Croce Rossa nel carcere di Poggioreale per ripristinare i contatti familiari dei detenuti

 
 

Partirà a novembre il nuovo servizio della CRI dove operatori specializzati entreranno nel carcere di Poggioreale per aiutare le persone detenute a rintracciare i propri cari. È il frutto di un protocollo d’intesa (primo accordo di questa natura in Campania), firmato dal Comitato Regionale CRI, Comitato di Napoli e direzione della Casa Circondariale, che conferma la crescita e il rafforzamento della rete RFL (Restoring Family Links) della Croce Rossa, grazie alla capillare presenza sul territorio di volontari formati. 
 
Nell’Istituto Penitenziario di Napoli Poggioreale “G.Salvia”, il più grande d’Italia, con oltre 2200 detenuti, i volontari specializzati della Croce Rossa assisteranno le persone richiedenti nella compilazione di moduli predisposti per la raccolta di informazioni utili a rintracciare i loro congiunti. Non solo: la CRI faciliterà anche le comunicazioni tramite messaggi scritti o verbali recapitati in tutto il mondo, grazie alla rete del Movimento (i cosiddetti “messaggi di Croce Rossa”) e attraverso chiamate telefoniche ai familiari dei detenuti. 

“In una condizione come quella carceraria, il ripristino dei legami familiari rappresenta un’ancora di salvezza e di speranza”, ha spiegato il presidente regionale della Croce Rossa, Giovanni Addis. “Questo protocollo conferma quanto sia preziosa la collaborazione tra le Istituzioni e la Croce Rossa per la tutela dei diritti umani costituzionalmente garantiti e per il raggiungimento di una risocializzazione e recupero della persona detenuta”, ha aggiunto Addis.

“La Croce Rossa Italiana, il Comitato internazionale e le altre Società Nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa lavorano insieme in tutto il mondo per prevenire le separazioni familiari, ripristinare e mantenere i contatti delle famiglie nel caso in cui la separazione sia dovuta a conflitti armati, situazioni di violenza, disastri, migrazioni e ad altre situazioni che richiedono una risposta umanitaria. I volontari del Comitato di Napoli, espressione della cultura dell’accoglienza e della multietnicità di una città punto di snodo del Mediterraneo, sono gli attori diretti di questo impegno sul campo” ha spiegato il Presidente del Comitato di Napoli, Paolo Monorchio, che aggiunge “ringrazio anche il Segretario Regionale Manuela Zambrano per il coordinamento delle attività che hanno consentito la stipula del protocollo di intesa”. 


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link
Powered by Social Snap