Emergenza ciclone Idai in Mozambico, la Croce Rossa realizzerà una centrale operativa

La delegazione CRI pronta a partire per rispondere alla richiesta della Federazione Internazionale

 
Photo Credit- IFRC
 

MozambicoEmergenza Mozambico


Dopo la fase di assessment iniziata
sin dai primissimi giorni, la Croce Rossa Italiana è pronta a rispondere alla
chiamata della Federazione Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC) per l’emergenza ciclone
Idai
in Mozambico che ha causato quasi mille morti e decine di
migliaia di persone sfollate e a rischio emergenza sanitaria. Una missione
complessiva di due anni, con il primo contingente della Croce Rossa in
partenza
nei prossimi giorni che sarà impegnato nella realizzazione di una centrale operativa (ERU
Emergency Response Unit
) a Beira, una delle città più colpite, così da
garantire una postazione per il coordinamento dei soccorsi sul territorio. La prima delegazione installerà quattro tende con oltre 20 posti letto, panche, tavoli e materiale informatico. A questa fase di risposta all’emergenza seguirà poi un lungo lavoro di sostegno in cui la Croce Rossa Italiana invierà uomini e mezzi per cercare di accompagnare il percorso di ritorno alla normalità dei territori colpiti.
Un intervento che si aggiunge all’invio, nei giorni scorsi, di un Bladder per lo stoccaggio di 10mila litri
di acqua potabile messo a disposizione dell’Emergency Medical Team del
Dipartimento Protezione Civile italiano impegnato nella gestione di un modulo
sanitario.

È possibile dare il proprio contributo attraverso il pulsante DONA ORA nell’apposita sezione.

 

 

 

 

È possibile dare il proprio contributo attraverso il pulsante
DONA ORA nell’apposita sezione.

 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link
Powered by Social Snap