Fuochi d’artificio a Capodanno, CRI Bassa Sabina e Carabinieri per sensibilizzare i giovani

 
CRI di Venezia incontra gli Emirati interessati alle attività di soccorso marittimo
 

La sicurezza e la prevenzione degli infortuni sono per noi due cose molto importanti. Per questo motivo, avvicinandosi la fine dell’anno, il Comitato della Bassa Sabina della Croce Rossa Italiana ha organizzato lo scorso 29 novembre una giornata di sensibilizzazione nei confronti degli studenti del Liceo Rocci di Passo Corese con cui parlare dei “botti di Capodanno” e del loro corretto utilizzo. Insieme agli Artificieri dei Carabinieri, che si sono dimostrati subito disponibili, si è parlato agli studenti dei botti legali e di quelli illegali e di cosa non fare assolutamente per evitare di farsi male.

Inoltre, grazie anche alla presenza dei truccatori della Croce Rossa che hanno realizzato alcune tra le più classiche conseguenze dovute ad un errato utilizzo dei botti (ustioni, ferite, ecc.), è stato spiegato agli studenti come comportarsi nel caso in cui, nonostante le raccomandazioni ricevute, dovessero comunque trovarsi in una situazione spiacevole in cui intervenire con tempestività per portare un primo ed immediato soccorso alla persona coinvolta.

Le Unità Cinofile CRI hanno poi parlato di quelli che sono i problemi causati dai botti di Capodanno agli animali, che avendo un udito molto più sviluppato dell’essere umano soffrono in modo particolare l’ultima notte dell’anno.

Tra spiegazioni tecniche, esempi pratici ed alcuni oggetti mostrati agli studenti, gli specialisti dell’Arma, a cui va il nostro più sincero ringraziamento, hanno saputo attirare l’attenzione dei ragazzi che hanno interagito e fatto tante domande dimostrando molto molto interesse per l’argomento. 

 
CRI di Venezia incontra gli Emirati interessati alle attività di soccorso marittimo

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link
Powered by Social Snap