testata per la stampa della pagina

Giovani

Insieme, con lo stesso passo, nella stessa direzione

Foto del workshop "Quale volontariato oggi?"
Un momento molto divertente del workshop

Motivare i volontari, a partire dagli uscenti dal corso base; lavorare sul confronto; aumentare i momenti di formazione; agevolare e incentivare la creazione del gruppo.

Sono questi i concetti chiave emersi attraverso il "teatro dell'oppresso", realizzato da Marcello Sgroi, aventi come punto di partenza l'importanza della distanza (minima, nella fattispecie) nell'accoglienza del volontario.

L'accoglienza è alla base della motivazione. Solo se si è in grado di accogliere, come si accoglie un viandante senza forze che crolla fra le nostre braccia, i pionieri generando in loro fiducia e sicurezza allora saremo davvero in grado di guidare il gruppo, ricordando che anche gli Ispettori devono imparare a farsi guidare dai propri pionieri.

L'apprendimento dell'importanza di questo concetto è stato possibile grazie a una serie di attività di movimento atte a smuovere i comportamenti dei vertici verso i propri pionieri. Hanno iniziato quindi a camminare per la stanza prima senza una meta, poi ascoltando se stessi perciò andando a scrivere i loro bisogni su post-it da affiggere al muro con una parola o un pensiero che li ha spinti a partecipare al workshop.
 
Successivamente le attività si sono fatte sempre più articolate: girare per la stanza spostandosi di mano in mano (con ambedue le mani), muovendosi a tre con andature diverse insieme, sostenere il partner mentre si lascia cadere verso di noi (questo per evidenziare il rapporto tra chi accoglie e chi viene accolto) concludendo questo primo step con la richiesta di scrivere un post-it con un appunto emotivo.

Il secondo step, partito con un brainstorming sul volontariato ha condotto a 3 parole chiave: gruppo, vulnerabili e amore sulle quali sono state create 3 figure plastiche statiche raffiguranti queste tre tematiche.

Il workshop s'è concluso con un'attività sulle relazioni dalla quale sono emerse varie casistiche che si verificano nei gruppi e che hanno permesso di riflettere sugli atteggiamenti verso i pionieri, in particolar modo verso i nuovi volontari.

 
 

Stefania Dibitonto
Foto di Filippo Maccagni

 
 
Copyright © 2017 All Rights Reserved - Associazione della Croce Rossa Italiana - Via Toscana, 12 - 00187 Roma - Tel. 065510- P.I. e C.F. 13669721006
Codice Univoco Fatturazione Elettronica A4707H7